Lustrola – Campi di Chiusa – Malpasso Alto


Difficoltà: Medio (orientamento problematico, molto difficile verso Chiusa Malpasso Alto – salita pronunciata e fondo spesso disagevole).
Tempo stimato di percorrenza: 1h 20′ andata, 1h ritorno.
Dislivello stimato in salita: 300 m.
Problemi di percorribilità: attenzione all’orientamento in assenza di segnavia CAI.
Segnavia: nessuno

  • Da Lustrola, Chiesa di San Lorenzo piazzetta Mauro Lenzi, con la Chiesa alle spalle imboccare la rampa che sale a fianco della canonica (750 m) e prendere a destra la strada che sale al Cimitero, fino al varco nel muretto in basso a sinistra contrassegnato CAI bianco-rosso ove sale verso sinistra il sentiero CAI 103a indicato poco più avanti da un cartello
  • Imboccare il sentiero 103a per brevissimo tratto fino a una traccia di sentiero sulla sinistra
  • Prendere il sentiero a sinistra verso monte; subito dopo volta a destra e si arrampica tra i castagni, quindi volta nuovamente a sinistra e giunge ad una roccia che funge da belvedere su Lustrola
  • Seguire a destra verso monte fino alla piana di Vedlustra (820 m) – vedi itinerario specifico.
  • Orientarsi sui riferimenti, che appaiono in alto guardando verso ovest, della sella (Malpasso Alto) tra il Sasso della Corona a destra e il Monte di Granaglione a sinistra, con la sagoma evidente di alcuni pini. Da qui è molto difficile l’orientamento e l’individuazione dei riferimenti al suolo
  • Attraversare la piana in quella direzione tra i castagni, fino ai muretti di terrazzamento. Qui individuare – con difficoltà – la traccia del vecchio sentiero, qua e là delimitato da piccole lastre di pietra piantate a terra in verticale.
  • Imboccare il sentiero, che piega a sinistra e poco dopo giunge a un grosso masso sulla destra a forma di “astronave” (845 m) e subito dopo a un fosso (860 m) ove si può osservare sui lastroni di pietra una piccola traccia che lo attraversa e prosegue
  • Prima del fosso, sulla destra, imboccare la marcata traccia di sentiero, stretto e con molti tornanti in ripida salita, che conduce ai Campi di Chiusa. Salire i tornanti fino ad un pino isolato (905 m), subito oltre il quale è possibile osservare dall’alto, tra la vegetazione, il borgo di Lustrola
  • Rivolgersi di nuovo verso monte e costeggiare tenendola a destra una fitta abetaia, inoltrarsi nei campi terrazzati e in breve giungere al primo “casone” in rovina dei Campi di Chiusa (945 m)
  • Proseguire sulla traccia di sentiero lambendo in alto la stessa rovina e poi dirigendosi a destra verso la parte superiore della abetaia. Qui il sentiero diviene impraticabile: costeggiare quindi l’abetaia tenendola a destra, fino a giungere ad un secondo “casone” diroccato (965 m) sul margine superiore dell’abetaia stessa.
  • Proseguire, tenendo la rovina a destra, verso il poggetto subito oltre, quindi piegare a sinistra e seguire la flebile traccia di sentiero che costeggia i muretti sempre in direzione della Sella in alto, superare noccioli e abeti (990 m) fino a giungere ad un terzo “casone” in rovina (1025 m).
  • Tenendo il casone sulla destra, proseguire fino ad un quarto casone, in migliori condizioni. Lasciarlo sulla sinistra e piegare decisamente verso monte. Qui non è più traccia di sentiero
  • Attraversare in salita un’abetaia oltre la quale si giunge alla Sella fin qui osservata (1050 m). Questo punto di crinale è denominato Malpasso Alto (passaggio alto fra due piccoli massi) da cui si possono osservare le valli di Riomaggiore e Silla
  • Variante per il ritorno: valicato il crinale si ritrova il segnavia del sentiero CAI 103 che, preso a destra, scende al bivio di Ladra con il sentiero 103a che, di nuovo a destra, scende a Lustrola. Vedere itinerari per la Croce del Cigno e per Ladra
lustrola-territorio-sentieri-sentiero-lustrola-campi-di-chiusa-malpasso-alto
Mappa
lustrola-territorio-sentieri-sentiero-lustrola-campi-di-chiusa-malpasso-alto-altimetria
Profilo altimetrico

Associazione Lustrolese Ca' Nostra

Via Mezzola, 6, 40046 Lustrola - Alto Reno Terme - Bologna
www.lustrola.it - info@lustrola.it - Telefono: 339 279 3451